Nuovi collegamenti: con il treno notturno nelle metropoli europee

Nuovi collegamenti per Amsterdam, Lipsia e Dresda, tratte previste per Roma e Barcellona, più treni per Berlino e Amburgo. L’ampliamento della rete di treni notturni procede rapidamente – grazie alla consolidata collaborazione e alla lettera d’intenti siglata tra le FFS e le ÖBB.

Inizio di una galleria d'immagini

La domanda di treni notturni è in aumento, soprattutto a causa della crisi climatica. Ma anche il coronavirus ha favorito questa tendenza: è più probabile che la gente prenda il treno che l’aereo. I treni notturni erano però particolarmente apprezzati ancor prima del coronavirus: nel 2019 il numero di viaggiatori sui treni notturni dalla Svizzera è aumentato di oltre il 25 percento rispetto all’anno precedente. Le FFS e le ÖBB ritengono che ciò sia dovuto all’esigenza della clientela di viaggiare nel rispetto dell’ambiente e delle risorse.

Da tempo i treni notturni sono un modello di successo soprattutto in Austria: le ÖBB gestiscono 19 linee Nightjet e altri otto collegamenti con ferrovie partner e dispongono quindi della più grande rete di treni notturni in Europa. Tra questi, la rete gestita dalle FFS dalla Svizzera comprende sei linee.

Ora la rete Nightjet sarà ancora più allettante: con i piani di ampliamento della rete Nightjet Svizzera 2024, in futuro verranno gestite complessivamente dieci linee e potranno essere raggiunte 25 destinazioni nel rispetto del clima. Questo è quanto hanno stabilito le FFS e le ÖBB in una lettera d’intenti firmata in data odierna.

«Con i nostri piani, ossia ampliare l’offerta di treni notturni dalla Svizzera a complessivamente dieci linee con 25 destinazioni, rispondiamo a una grande esigenza dei clienti. I nostri treni notturni sono importanti per una maggiore mobilità internazionale e permettono di viaggiare in Europa in modo sostenibile e risparmiando le risorse naturali.»
Armin Weber, responsabile del traffico internazionale a lunga percorrenza

Verso quali destinazioni viaggiano ora i treni notturni?

Già oggi, grazie all’offerta di treni notturni verso Amburgo, Berlino, Vienna, Graz, Budapest, Praga e Zagabria, Zurigo è il secondo hub per importanza nel traffico notturno europeo. Solo a Vienna partono e arrivano più treni notturni che a Zurigo. 

Cosa cambia?

  1. Nuovo collegamento Nightjet per Amsterdam
    Da dicembre 2021, le persone potranno viaggiare da Zurigo via Basilea–Francoforte–Colonia per Amsterdam. Le FFS prevedono di noleggiare treni notturni, poiché a breve termine la disponibilità di materiale rotabile adeguato è molto limitata.
  2. Più treni per Berlino e Amburgo
    I collegamenti da Zurigo via Basilea per Berlino e Amburgo sono molto richiesti. Pertanto, con il cambiamento d’orario 2023, due treni separati dovrebbero circolare su questa tratta, il che aumenterà notevolmente la capacità.
  3. Nuovo collegamento per Lipsia e Dresda attraverso la Germania
    Sempre nel 2023, dovrebbe essere disponibile il collegamento per Praga attraverso la Germania con il Nightjet per Berlino, con carrozze letti e carrozze cuccette. Con il nuovo tracciato della linea vi è ora un collegamento diretto per Lipsia e Dresda.
  4. Previsti collegamenti per Roma e Barcellona
    Una nuova linea dovrebbe circolare da Zurigo via Berna–Briga–Domodossola per Roma. È inoltre previsto un collegamento giornaliero da Zurigo via Berna–Losanna–Ginevra per Barcellona. In questo modo si garantirebbe un collegamento diretto della Svizzera occidentale alla rete di treni notturni. L’introduzione di queste due nuove linee non è ancora assicurata, sono in corso chiarimenti con altre ferrovie partner.

Nella sessione autunnale, il Parlamento ha deliberato la revisione della legge sul CO2. In tale occasione, ha accettato di promuovere il traffico viaggiatori internazionale, compresi i treni notturni. La revisione prevede che il trasporto ferroviario transfrontaliero sia sostenuto dal fondo per il clima. Con riserva della votazione finale e di un eventuale referendum, il sostegno finanziario da parte del fondo per il clima permetterebbe alle FFS di compensare i costi d’esercizio elevati e deficitari dei collegamenti ferroviari notturni.

«Sapevate che la tratta più lunga percorsa da un treno notturno in Europa va da Nizza a Mosca e il viaggio dura 55 ore?»

Mai viaggiato su un treno notturno? Ecco i vantaggi

  • Viaggiare in tutta sicurezza

Nonostante il coronavirus, viaggiare su un treno notturno è sicuro: le superfici e le toilette vengono regolarmente pulite e disinfettate. Il treno notturno sulla tratta Zurigo–Budapest circolerà fino a nuovo avviso senza carrozze letti e cuccette. Le carrozze con posti a sedere saranno sempre disponibili da e fino a Budapest. Tutti gli altri treni notturni dalla Svizzera circoleranno normalmente. Informatevi sulle disposizioni adottate dai singoli Paesi e, se prescritta, copritevi naso e bocca con una mascherina. Alla Nightjet Coronavirus Guide

  • Viaggiare in modo sostenibile

Viaggiare nel rispetto del clima e scoprire le migliori città d’Europa. L’orario online FFS contiene un ecocalcolatore che calcola il consumo di energia e le emissioni di CO2 per ogni viaggio in treno e le confronta con il viaggio in auto. In questo modo è possibile confrontare l’impatto ambientale. È sufficiente cliccare sull’icona «Ecocalcolatore» nella finestra dei dettagli di un collegamento.

  • Viaggiare in tutta comodità

Viaggiare su un treno notturno è comodo: nello scompartimento delle carrozze con posti a sedere o delle carrozze cuccette c’è sufficiente spazio, la privacy è garantita nello scompartimento privato. Nuovo design e maggiore comfort, in parte con servizi igienici e docce proprie, assicurano un viaggio tranquillo.

  • Viaggiare con la famiglia

Quando arriviamo? Quanto tempo ci vuole ancora? Queste domande, che fanno solitamente i bambini, non si sentono durante un viaggio su un treno notturno. I bambini si godono l’avventura del treno e il tempo insieme alla famiglia. Le carrozze cuccette private offrono ampia libertà di movimento.

  • Viaggiare in totale relax

Salire, dormire e svegliarsi rilassati la mattina dopo nel cuore della città – senza stress, senza code e controlli di sicurezza come all’aeroporto. Quindi: sedersi e godersi il viaggio.

I treni notturni hanno un impatto positivo sul clima

I treni notturni hanno un comprovato impatto positivo sul clima, poiché spostano i viaggi dall’aereo, dall’auto e dal bus al treno. L’obiettivo comune delle ÖBB e delle FFS è di trasferire più viaggi alla ferrovia e contribuire così a ridurre le emissioni di CO2 nel settore dei viaggi. Questo impegno è in linea con gli obiettivi dell’accordo sul clima di Parigi e con la richiesta da parte dei cittadini e dei politici di sviluppare un’allettante rete di treni notturni, elemento fondamentale per una mobilità sostenibile e rispettosa dell’ambiente in Europa.