Ampliamento stazione di Berna: ecco le sfide del progetto

L’ampliamento del nodo di Berna è un progetto decisivo che prevede l’espansione della seconda stazione più grande della Svizzera e di altre limitrofe, rendendo più efficienti le tratte. La relativa gestione durante l’esercizio è affidata al responsabile del programma generale Benno Nussberger.

Inizio di una galleria d'immagini

La stazione e l’intero nodo ferroviario di Berna hanno ormai raggiunto i propri limiti, sia in termini di esercizio che di spazio, facendo sì che un ampliamento consistente sia diventato un must per le FFS. Il responsabile del programma generale «Nodo di Berna» è Benno Nussberger, i cui progetti prevedono, ad esempio, di potenziare il traffico a lunga percorrenza a Berna e di introdurre la cadenza semi oraria nel resto della rete del traffico regionale. 

Una gestione del cantiere ben lontana dall’ordinario 

La stazione di Berna è la seconda più grande della Svizzera e, di conseguenza, rappresenta un nodo importante per il traffico ferroviario nazionale e internazionale. Al tempo stesso funge da cardine per la rete celere regionale di Berna, che copre una grande regione con oltre un milione di abitanti. Centinaia di migliaia di persone dipendono ogni giorno dall’esercizio regolare del traffico all’interno e intorno alla stazione. «La sfida più grande è costruire senza interrompere l’esercizio. Diversamente da altri cantieri, che prevedono la sospensione delle attività per un certo periodo, in questo caso i treni devono continuare a circolare possibilmente senza restrizioni per i viaggiatori, oltretutto in uno spazio ristretto», spiega l’ingegnere elettrotecnico 57enne. 

«Senza un lavoro di gruppo, programmi come questi sarebbero irrealizzabili.»
Benno Nussberger

Un’impresa titanica che ricade sulle spalle di Benno Nussberger e del suo team. Per gestirla servono una spiccata sensibilità, buone soluzioni, una pianificazione lungimirante e un intenso lavoro di armonizzazione con tutti i soggetti coinvolti, tra cui altre imprese di trasporto per il traffico merci e persone. «Uno dei compiti più importanti è stato creare un’organizzazione o una piattaforma per chiarire tutti i problemi e disciplinare le responsabilità», commenta il responsabile del programma generale. In questo senso può contare su un team affiatato che si avvale del know-how di tutti i componenti in diversi ambiti. 

Esigenze diverse di città, Cantone e operatori 

Benno Nussberger lavora alle FFS da circa 14 anni ed è responsabile, insieme al suo team, della corretta attuazione dei progetti, nel rispetto di costi e scadenze. Il programma generale coinvolge una pluralità di partner con esigenze diverse, fattore di cui Benno Nussberger è pienamente consapevole: «I progetti parziali hanno svariate correlazioni con partner esterni come Comuni, Cantone, BLS, RBS o comune patriziale di Berna: il programma intende conciliare i loro diversi interessi e diritti.» 

I compiti di Benno Nussberger con i diversi attori coinvolti sono strutturati in modo vario e interessante: «Avendo la responsabilità complessiva del programma ricopro un ruolo manageriale e intrattengo scambi con l’interno e l’esterno. Il mio non è sicuramente un lavoro d’ufficio tradizionale.» Della sua attività con le FFS, inoltre, apprezza in modo particolare il fatto di contribuire al benessere della Svizzera e a costruire qualcosa che potrà mostrare ai nipoti. Come la stazione di Berna, per esempio, che nei prossimi anni subirà un importante ampliamento. «Non da ultimo, posso contribuire attivamente al sistema ferroviario svizzero e accrescere l’attrattività generale dei trasporti pubblici, un aspetto che mi riempie d’orgoglio.» 

Vorresti fare anche tu qualcosa di grande e che lasci il segno? Scopri le interessanti posizioni disponibili alle FFS: www.ffs.ch/jobs