Il ticketing automatico «EasyRide» avanza a passo spedito

«EasyRide», il ticketing elettronico delle FFS, festeggia il suo primo compleanno. Il capoprogetto Sayanthan Jeyakumar spiega come mai «EasyRide» ha tanto successo, perché oggi i viaggiatori preferiscono acquistare i loro biglietti sui canali elettronici e quali sono i prossimi passi per «EasyRide».

Inizio di una galleria d'immagini

In un anno «EasyRide» ha totalizzato oltre un milione di registrazioni e circa 4,5 milioni di viaggi: come ti spieghi questo risultato positivo in tempi di coronavirus?
In primo luogo, con l’introduzione di «EasyRide» siamo riusciti a semplificare notevolmente l’accesso ai trasporti pubblici. La possibilità di effettuare il check-in, partire e viaggiare senza preoccupazioni, addirittura senza dover prima acquistare un biglietto, semplifica il viaggio e riduce le barriere d’ingresso per chi non è cliente abituale dei trasporti pubblici. Penso ad esempio a mia madre, nuova cliente dei trasporti pubblici e utente entusiasta di «EasyRide».

In secondo luogo, «EasyRide» approfitta dell’attuale cambiamento di abitudini innescato dalla pandemia. Le norme sullo smart working, le vacanze e le escursioni in Svizzera così come il mutato uso dei trasporti pubblici hanno contribuito a far sì che «EasyRide» registrasse la crescita più marcata nel panorama dei canali di distribuzione.  

Perché «EasyRide» viene utilizzata soprattutto nel traffico locale e molto meno nel traffico a lunga percorrenza?
Sebbene «EasyRide» sia comoda e sicura, abbiamo notato che i clienti sono piuttosto riluttanti a utilizzarla sulle tratte più lunghe. Da un lato, sulla base delle diverse disposizioni sulle zone e validità, la complessità tariffaria nel traffico locale è molto più elevata che nel traffico a lunga percorrenza. Dall’altro, il traffico a lunga percorrenza offre ulteriori possibilità come i biglietti risparmio e le carte giornaliere risparmio. In ogni caso, i nostri clienti hanno capito il principio e utilizzano Mobile FFS in base alle proprie esigenze individuali. Nell’arco dello stesso mese la metà degli utenti «EasyRide» acquista anche biglietti di percorso classici, preferibilmente biglietti risparmio, con l’app.

«EasyRide» semplifica il viaggio e riduce le barriere d’ingresso per chi non è cliente abituale dei trasporti pubblici.»
Sayanthan Jeyakumar

Attualmente «EasyRide» non permette di acquistare biglietti risparmio. Se poco prima della partenza sono ancora disponibili biglietti risparmio, perché il cliente non dovrebbe poterne approfittare?
I biglietti risparmio funzionano in modo completamente diverso rispetto a «EasyRide», che è pensata per i viaggi improvvisati. I biglietti risparmio sono legati a una precisa tratta e a un preciso treno e devono essere acquistati almeno un’ora prima della partenza. Lo scopo è quello di distribuire più uniformemente i viaggiatori, decongestionando le ore di punta e migliorando l’occupazione dei treni nelle ore di traffico ridotto. «EasyRide», invece, punta sulla semplicità e ottimizza il prezzo per il consumo giornaliero. Sarebbe quindi più opportuno considerare come si potrebbero ripensare le tariffe nelle ore di traffico ridotto per i viaggi dell’ultimo minuto. Ma questo andrebbe discusso e affrontato in consultazione con l’intero settore dei trasporti pubblici.

«EasyRide» non cannibalizza altri canali di vendita come FFS.ch o i distributori automatici di biglietti?
Tra i nostri clienti si osserva una crescente tendenza all’improvvisazione del viaggio e all’acquisto sui canali digitali. Già oggi un biglietto su due viene acquistato in formato elettronico. Con «EasyRide» semplifichiamo ulteriormente e notevolmente il passaggio ai canali digitali e l’effetto è sotto gli occhi di tutti. Sempre più spesso i clienti usano direttamente «EasyRide» per acquistare il primo biglietto dei trasporti pubblici. In passato si seguiva un iter diverso: per comprare i loro biglietti, i clienti passavano dal distributore automatico al sito web e infine all’app Mobile FFS.

Quali sono i prossimi passi?
Puntiamo a perfezionare continuamente «EasyRide», tra le altre cose rendendo ancora più trasparenti i prezzi calcolati. Inoltre, stiamo discutendo varie idee per sviluppare ulteriormente questa funzione. Dopo un anno di «EasyRide» siamo in grado di comprendere meglio le esigenze e il comportamento di mobilità dei nostri clienti. Inoltre, la pandemia di coronavirus ha contribuito a un notevole cambiamento delle abitudini, motivo per cui in futuro «EasyRide» diventerà ancora più importante per la distribuzione digitale nell’intero sistema dei trasporti pubblici.

Cos’è «EasyRide»?

Con la funzione «EasyRide» integrata nell’app Mobile FFS, i clienti non devono fare altro che effettuare il check-in all’inizio del viaggio e il check-out una volta arrivati a destinazione. Questa funzione riconosce la tratta percorsa e, tenendo conto degli abbonamenti del cliente, calcola automaticamente il biglietto più adatto, al prezzo più conveniente su base giornaliera.

«EasyRide» è pensata per i clienti che non possiedono un AG e che desiderano utilizzare i trasporti pubblici in tutta comodità e semplicità, senza doversi preoccupare dei confini delle zone o delle disposizioni tariffarie.

Per poter utilizzare «EasyRide» è necessario avere un login SwissPass e registrare un mezzo di pagamento nell’app Mobile FFS in modo tale che i viaggi effettuati possano essere addebitati.