Sia con neve che con ghiaccio, a destinazione in sicurezza

L’inverno saluta la Svizzera con il suo tratto distintivo più bello. La neve è tornata! Per Filipe Santos e il servizio invernale delle FFS significa che è ora di darci dentro. L’obiettivo è chiaro: i treni circolano nonostante la neve e i clienti giungono a destinazione in modo sicuro e puntuale.

Inizio di una galleria d'immagini

Sono le quattro del mattino. Filipe Santos avanza a grandi falcate verso il garage attrezzato di Olten in cui è parcheggiata la sua macchina spazzaneve. Fuori cade la prima neve dell’inverno e per l’addetto alla logistica questo significa che d’ora in poi dovrà coprirsi bene: è uno dei 360 collaboratori delle forze d’intervento impiegate per il servizio invernale delle FFS. Binari, scambi, marciapiedi, ingressi e uscite devono essere sgomberati da neve e ghiaccio.

La pianificazione di questi interventi è iniziata già in primavera, con l’analisi dell’inverno precedente. «Lo scorso inverno non è stato però molto duro, sono dovuto intervenire solo quattro volte a causa della neve. Si trattava per lo più di spargere il sale nelle entrate e nelle uscite per escludere il pericolo di scivolamento», ricorda Santos. Da metà ottobre a metà aprile lui e gli appositi reparti delle FFS sono nuovamente in stato di prontezza d’intervento per il servizio invernale

Nonostante i preparativi e l’organizzazione del servizio invernale, l’ondata di freddo può causare lievi malfunzionamenti dell’infrastruttura, poiché il sistema di sicurezza delle FFS è estremamente sensibile. Questi difetti, che possono causare dei ritardi, vanno eliminati subito. L’obiettivo principale rimane dunque chiaro anche nei mesi freddi: nonostante la neve e il ghiaccio, i clienti devono giungere a destinazione in modo sicuro e puntuale. «E noi siamo pronti», afferma deciso Santos, salendo sulla sua macchina spazzaneve.

Ulteriori fatti sul servizio invernale delle FFS

Sempre pronti

Soprattutto in inverno i dati sul meteo vengono continuamente analizzati. Le evoluzioni climatiche vengono sorvegliate in ogni stazione della rete FFS e i collaboratori del servizio invernale possono essere coordinati in modo mirato. I team sono pronti a intervenire giorno e notte, intenzionati a non farsi cogliere di sorpresa dal Signor Inverno.

Aiutanti sensibili alla temperatura

Il 60% di tutti gli scambi sulla rete di tratte principali delle FFS dispone di appositi riscaldamenti, per un totale di circa 7300 impianti. Tali impianti sono sonde di temperatura che rispondono alle condizioni termiche e di umidità accendendosi e spegnendosi automaticamente.

Treni preriscaldati

Quando fuori fa freddo non c’è nulla di più bello che rifugiarsi al calduccio. Per questo motivo durante la notte i treni vengono collegati a impianti di riscaldamento e al mattino sono preriscaldati, garantendo così il comfort dei clienti.