Viaggiare con la bici in treno: le principali domande e risposte

Le FFS hanno creato il 40 per cento di posti in più per le bici, per fronteggiarne il boom: nei periodi di forte affluenza può infatti esserci un ingorgo di biciclette - come al San Gottardo prima delle vacanze. Un breve vademecum del perché fare la prenotazione, quando è necessaria e come farla.

Inizio di una galleria d'immagini

Aggiornamento del 6 settembre 2021, ore 9.00: le FFS rispondono alla petizione delle associazioni ciclistiche

Oltre 50 000 persone hanno sottoscritto una petizione in cui si richiedeva più spazio per le biciclette sui treni e l’abolizione dell’obbligo di prenotazione. Cosa dicono le FFS al riguardo?

Per le FFS le richieste dei viaggiatori che vogliono portare con sé la bicicletta senza complicazioni sono molto importanti. Nell’anno della pandemia 2020 c’è stato un boom mai registrato prima: questo è senza dubbio un aspetto positivo, ma nei giorni di punta non sempre c’era posto per tutte le biciclette e le FFS hanno dovuto deludere alcuni clienti.

Per il 2021, le FFS hanno ampliato l’offerta di spazio per le biciclette e in breve tempo hanno creato 4000 posti prenotabili. Sulle tratte maggiormente frequentate è quindi disponibile il triplo dei posti rispetto a prima. Poiché nelle giornate di punta questo non è ancora sufficiente, si è dovuto estendere l’obbligo di prenotazione. L’ulteriore ampliamento della capacità di biciclette richiede di fatto del tempo. L’obbligo di prenotazione durante il fine settimana nella stagione calda è fonte di affidabilità, e quest’aspetto per molti viaggiatori è importante. Diversamente, nelle giornate di punta molti clienti resterebbero nuovamente delusi.

Come rispondono concretamente le FFS alle richieste delle associazioni ciclistiche?

Le FFS si impegnano a creare ancora più posti per le bicilette sui treni. Non vanno però dimenticati nemmeno gli altri viaggiatori, che hanno bisogno a loro volta di più spazio sui treni per passeggini o bagagli ingombranti che non è possibile riporre sotto i sedili. Lo spazio complessivo è tuttavia limitato. Inoltre, i treni devono funzionare non solo per il traffico del tempo libero ma anche durante la settimana per il pendolarismo. Fino a quando la domanda di posti bici durante il fine settimana supera l’offerta, è necessario l’obbligo di prenotazione sui treni IC.

Perché le FFS non possono semplicemente incrementare la capacità a bordo aggiungendo ad esempio una o due carrozze nelle giornate di punta?

Le FFS non possono aggiungere illimitatamente carri o carrozze. La lunghezza massima di un treno è determinata, tra le altre cose, anche dalla lunghezza del marciapiede nelle stazioni. I carri merci ad esempio sono più lenti, possono essere utilizzati soltanto di rado nei treni spola e non possono essere accoppiati agli elettrotreni (bipiano TLP, Giruno, ICN). Anche i brevi tempi di sosta nelle stazioni non sarebbero sufficienti per caricare e scaricare tante biciclette da un carro merci.

Perché devo prenotare un posto per la mia bici?

L’obbligo di prenotazione per le biciclette serve a gestire la grande affluenza. In particolare, nei fine settimana è così possibile distribuire equamente le bici sui diversi treni e nei posti disponibili a bordo dei treni. L’obbligo di prenotazione contribuisce inoltre a mantenere la sicurezza a bordo, tenendo sgombre le vie di fuga.

Le FFS prendono sul serio le esigenze di chi viaggia con la bici?

Le FFS tengono nella massima considerazione le esigenze di tutta la clientela - quindi anche chi viaggia con la bicicletta - ma anche pendolari, famiglie e pensionati. Conciliare tra loro tutte queste diverse esigenze è una grande sfida.

Su quali tratte devo prenotare un posto per la mia bici?

  • Tratte lungo i piedi del Giura: tutti i giorni.
  • Tratte che attraversano la galleria di base del San Gottardo: tutti i giorni.
  • Su tutti i treni InterCity, cioè sulle cinque linee IC1, IC3, IC6/61 e IC 8: dal venerdì alla domenica nel periodo tra marzo e ottobre.
  • Nel traffico regionale (R, S, treni RE) e nei treni InterRegio (IR) le biciclette possono essere trasportate senza prenotazione.
  • Treni internazionali: tutti i giorni.

Del resto, l’obbligo di prenotazione per le bici non è una novità. Ai piedi del Giura, nei treni internazionali e in quelli che viaggiano attraverso la galleria di base del San Gottardo la prenotazione è necessaria già da diversi anni. Il prezzo della prenotazione viene ridotto, passando da 5 a 2 franchi.

Inizio di una galleria d'immagini

Per quali bici devo prenotare un posto?

Le bici pieghevoli richiuse sono considerate bagaglio a mano e non richiedono né un biglietto, né una prenotazione. La pagina Trasporto di biciclette nel treno fornisce una panoramica dei veicoli a una, due, tre e quattro ruote soggetti o meno al pagamento.

Quali sono le alternative al carico in proprio di biciclette?

Utilizzando il servizio di spedizione è possibile spedire la bicicletta come un normale collo di bagaglio e ritirarla nel luogo di destinazione. E chi non vuole portare con sé la propria bici, può semplicemente noleggiarne una con «Rent a Bike». Maggiori informazioni su questa offerta sono disponibili alla pagina Viaggi con le biciclette.

Come prenotare un posto per la propria bicicletta e individuarlo sul treno

  1. Per viaggiare in completo relax, vale la pena di verificare la previsione di occupazione del treno desiderato ed eventualmente sceglierne uno diverso.
  2. Prima di acquistare il biglietto per la bici, verificare che ci siano ancora posti prenotabili a disposizione.
  3. La prenotazione può essere effettuata fino a pochi istanti prima della partenza tramite l’app Mobile FFS o allo sportello. Fino a cinque giorni lavorativi prima della partenza è possibile anche prenotare telefonicamente al numero 0848 44 66 88. Non è invece possibile prenotare tramite i distributori automatici. Attenzione ai treni internazionali: per alcuni EC la prenotazione può essere effettuata solo allo sportello o telefonicamente.
  4. Per molti treni (ad es. per Coira e Briga) è possibile prenotare contemporaneamente fino a cinque posti. Inserendo nell’app una richiesta per cinque posti è possibile verificare se il treno offre ancora una disponibilità sufficiente.
  5. La prenotazione mostra in quale carrozza si trova il posto. Verificare in quale settore ferma la carrozza consultando anticipatamente le indicazioni sulla composizione del treno nell’orario online o controllando direttamente sul marciapiede. Al momento di salire cercare i pittogrammi con la bicicletta sulla porta della carrozza.
  6. Collocare le biciclette nei ganci o posizionarle negli appositi dispositivi e rimuovere eventuali bisacce. Se il posto prenotato risulta occupato, rivolgersi al personale dei treni.
  7. Comprensione e riguardo reciproco rendono il viaggio più piacevole per tutti.

Maggiori informazioni sull’aiuto per la prenotazione e il trasporto di biciclette in Svizzera.

Perché le FFS non trasformano i loro treni o non aggiungono più carrozze nei giorni di maggiore affluenza?

Le FFS valutano la possibilità di ampliare ulteriormente la capacità. Tuttavia, non è possibile eliminare all’ultimo momento alcuni sedili dai treni in caso di grandi richieste. Questi sono necessari per permettere ad altri viaggiatori di sedersi e le FFS tengono sempre conto degli interessi di tutti i clienti. Non è nemmeno possibile aggiungere un numero illimitato di carrozze, perché la lunghezza massima di un treno è determinata dalla lunghezza dei marciapiedi nelle stazioni.

Attualmente alcuni treni dispongono già di un maggior numero di posti riservati alle bici: basti pensare ai nuovi IC2000 (da nove a diciassette posti) e ai bipiano TLP (fino a 24 posti), rispetto agli ICN che ne offrono da sei a dodici.

Come può accadere che in definitiva, nonostante la prenotazione, il mio posto bici non sia disponibile?

Se un treno deve essere sostituito o accorciato all’ultimo momento, ad esempio a causa di un inconveniente di natura tecnica, non sempre le prenotazioni salvate nel sistema di prenotazione coincidono con il numero di posti bici effettivamente disponibili al suo interno. In questi casi il personale dei treni cerca di collocare le biciclette nel miglior modo possibile, distribuendole in tutto il treno.

Importante: anche nei treni senza obbligo di prenotazione, negli orari di punta può accadere che alcune biciclette vengano rifiutate per motivi di sicurezza e che i viaggiatori debbano ripiegare su collegamenti alternativi, se tutti i posti bici nel treno sono occupati.

Perché non posso sempre viaggiare nella stessa carrozza della mia bici?

I posti bici sono distribuiti in tutto il treno, cioè in prima e in seconda classe. Al momento della prenotazione non è possibile scegliere la classe. Se un gruppo prenota più posti bici, può accadere che le biciclette vengano distribuite in diverse carrozze e non viaggino tutte insieme.