E...state al fresco. Anche sul treno.

Caldo, più caldo, caldissimo: in Svizzera scoppia l’estate. Sui treni i climatizzatori funzionano a pieno regime. Ecco qualche interessante curiosità.

E...state al fresco. Anche sul treno.
E...state al fresco. Anche sul treno.

Climatizzatori: croce e delizia dell’estate. C’è chi infreddolito si infila un maglioncino e chi invece nei giorni di gran caldo preferisce viaggiare per la Svizzera in un «frigorifero rotabile». Del resto, sia d’estate sia d’inverno, il clima sui treni è uno dei temi più caldi su Facebook e Twitter.

Reazioni su FB e Twitter

E fin qui è una questione soggettiva, ma come regolano la temperatura le FFS quando fuori c’è un caldo davvero insopportabile? 

Cinque curiosità sui climatizzatori dei nostri treni
 

  • Attualmente sono installati circa 7200 climatizzatori all’interno di 3700 casse dei veicoli (carrozze ferroviarie, automotrici o locomotive). Quindi il 94 percento dei nostri treni viaggiatori è climatizzato. 

  • Entro il 2020 a garantire temperature piacevoli durante il viaggio ci penseranno circa 8000 climatizzatori (pertanto sarà climatizzato il 97 percento dei treni). 

  • Mediamente la temperatura dei compartimenti viaggiatori viene abbassata senza mai scendere più di cinque-sette gradi Celsius al di sotto di quella esterna. I viaggiatori lo percepiscono già come un raffreddamento, senza tuttavia subire uno shock termico, inoltre questo ci permette di mantenere il consumo energetico entro i dovuti limiti. La differenza di temperatura da cinque a sette gradi è in linea con le normative europee cui si attengono anche le ferrovie estere. 

  • Anche i nostri climatizzatori vengono messi a dura prova quando le temperature restano elevate a lungo. Mediamente risolviamo 13 problemi ai climatizzatori al giorno, registrando così un tasso di guasto inferiore allo 0,2 percento. Con il 99 percento di probabilità potrete quindi viaggiare in una carrozza climatizzata in perfette condizioni. 

  • E se fa comunque troppo caldo? La maggior parte dei nostri veicoli dispone di un selettore con cui il personale dei treni può ridurre la temperatura interna di altri due gradi al massimo. Tuttavia solo per un periodo limitato. Il personale dei treni non può invece modificare l’afflusso d’aria perché si tratta di un valore fisso preimpostato. 

Il calore può deformare le rotaie? 

Quando il caldo persiste a lungo, le rotaie possono raggiungere temperature molto elevate che vanno dai 60 agli 80 gradi e provocare così la deformazione dei binari. Tali deformazioni sono denominate slineamento del binario.  

In passato le rotaie venivano unite tra loro a coprigiunto e i giunti ne permettevano la dilatazione. Oggi invece le rotaie sono saldate. Se da un lato questo incrementa il comfort di marcia, le rotaie senza interruzioni tendono a dilatarsi in caso di calore eccessivo. Di per sé ciò non costituisce un problema fino a quando la soprastruttura con traverse e pietrisco è in grado di assorbire le forze che ne derivano. Qualora il pietrisco non sia più in grado di farlo si verifica un piegamento laterale del binario, quindi uno slineamento dello stesso. In tal caso è necessario correggere la posizione del binario e sostituire le rotaie. Si tratta però di casi isolati: su tutta la rete delle FFS, si registrano ed eliminano in media solo da tre a sette deformazioni all’anno. 

Sette consigli per stare al fresco in treno
 

  1. Cercate di far sì che tutti possano scendere e salire velocemente. Ogni volta che si aprono le porte, nel treno entra aria calda dall’esterno. Meno le porte stanno aperte e migliore è l’effetto rinfrescante del climatizzatore. 

  2. Evitate di fare docce fredde al mattino, meglio tiepide piuttosto. E ancora un altro trucchetto: conservate in frigorifero la vostra crema per il corpo. Vi darà una piacevole sensazione di freschezza quando ve la spalmerete dopo la doccia. 

  3. Indossate abiti freschi e leggeri dai colori chiari, possibilmente in cotone o lino. Questi tessuti assorbono bene il sudore. Permettono all’aria di circolare meglio favorendo la regolazione della temperatura corporea.

  4. Se non sopportate più il caldo: alzatevi brevemente, andate alla toilette e bagnatevi con acqua fresca avambracci, tempie e nuca. Consiglio per pendolari che viaggiano in bus o tram: per ottenere un effetto rinfrescante procuratevi dell’olio al mentolo e all’occorrenza frizionatelo sulle parti del corpo sopraindicate. 

  5. Bevete molto! Tre litri al giorno sarebbe l’ideale. A proposito di acqua: esistono degli spray di acqua termale da nebulizzare di tanto in tanto sul viso per rinfrescarsi. Un comune spruzzino per le piante riempito di acqua possibilmente fredda è una soluzione sicuramente più conveniente ed ecologica. 

  6. Conoscerete senz’altro i ventilatori tascabili. Con pochi franchi potete averne uno ecologico per il vostro viaggio: il ventaglio. Occupa poco spazio e fa molto «vacanze in Spagna». Olé! 

  7. Cercate di rilassarvi. Più ci si agita per il caldo e più si suda…