Cercasi partecipanti ai test del nuovo treno solare

Tra poche settimane, in via sperimentale, sulla rete ferroviaria svizzera circolerà il primo treno alimentato a energia solare. Inizialmente avrà una lunghezza di 50 metri e un massimo di 150 posti a sedere. Le FFS stanno cercando clienti interessati a partecipare alle corse di prova.

Attualmente i treni delle FFS sono alimentati al 90 percento con energia idrica. Per migliorare questo bilancio, un team specializzato ha sviluppato un treno che autoproduce corrente. Stephan Kurmann, responsabile Sviluppo Viaggiatori, spiega: «Nelle fasi di sviluppo e test del treno solare la prova più difficile è stata quella di evitare la soppressione di treni. L’alimentazione ibrida è il segreto per ovviare a questo problema. Se l’energia solare finisce, si utilizza la corrente ecologica di rete.»

Corrente di rete in caso di bisogno

Il nuovo treno solare è costituito da due automotrici con moduli solari montati sul tetto che producono una potenza di 6,5 kilowatt. Complessivamente gli accumulatori hanno una capacità di 77 chilowattora.

Nella versione di prova attuale, il treno solare non può ancora circolare un giorno intero «in perfetta autonomia». Se la corrente prodotta in modalità solare si esaurisce, il macchinista interviene subito manualmente commutando l’alimentazione sulla corrente di rete. Inoltre alla stazione di Bellinzona è disponibile un punto di ricarica a energia solare per caricare di nuovo le batterie. Ecco perché, in una prima fase, il treno viaggerà nel soleggiato Ticino.

Corse di prova con i clienti

Le FFS contano sui feedback dei clienti per i test approfonditi. Come giudicano il comfort di viaggio? La commutazione sulla corrente di rete viene percepita? I viaggiatori saranno interpellati con interviste e sondaggi per analizzare le loro esperienze.

FFS attente all’ambiente e al clima

In viaggio con le FFS all’insegna dell’efficienza energetica e del rispetto del clima: in Svizzera, viaggiando in treno anziché in auto, si producono 27 volte meno emissioni di CO2 e viene consumato solo un sesto circa dell’energia. Oggi le FFS coprono circa il 90 percento del proprio consumo di corrente con l’energia idrica. A livello ecologico sono pertanto tra le migliori ferrovie in Europa. Dal 2025 i treni FFS circoleranno sfruttando esclusivamente energia rinnovabile. A tal fine il Gruppo ha avviato il programma di risparmio energetico più ambizioso della Svizzera: a partire dal 2025 risparmierà ogni anno un quantitativo di corrente pari a quello necessario per coprire il fabbisogno di tutti i nuclei familiari del Cantone Ticino, vale a dire circa 600 gigawattora all’anno. Gli edifici e gli impianti delle FFS sono già alimentati interamente con energia rinnovabile. Inoltre il Gruppo prevede di installare impianti fotovoltaici sui propri fabbricati e di sfruttarne internamente la corrente prodotta.