5 domande sul traffico durante le festività di Pasqua 2019

Per evitare gli ingorghi, nel periodo di Pasqua circa 90 000 clienti viaggeranno attraverso la galleria di base del San Gottardo. Stefano Fernandes, pianificatore dell’offerta alle FFS, vi svela come giungere a destinazione rilassati nonostante l’elevato volume di traffico atteso per le vacanze.

Stefano Fernandes, in qualità di pianificatore dell’offerta, reputa che le FFS siano pronte per il traffico durante le festività di Pasqua?

Abbiamo fatto tutto il possibile per prepararci al traffico atteso per Pasqua. Offriremo treni supplementari, aumenteremo le capacità dei treni regolari, impiegheremo assistenti alla clientela in diverse stazioni e, in via preliminare, intensificheremo la manutenzione del materiale rotabile. I nostri servizi operativi sono preparati e seguiranno attentamente gli sviluppi. Siamo pronti e ci aspettiamo moltissimi viaggiatori, soprattutto verso il Ticino e l’Italia.

C’è qualcosa che la preoccupa?

Le capacità costituiscono una grande sfida. In base all’esperienza, avremo elevatissimi picchi di domanda nell’arco di poche ore per i viaggi di andata e ritorno. Sull’asse del San Gottardo, oltre ai treni nazionali e internazionali, circolano anche diverse S-Bahn e il traffico merci di transito. Pertanto, questa linea è fortemente sollecitata e non ha quasi più capacità libere. Inoltre, purtroppo al San Gottardo non è ancora possibile impiegare treni bipiano, che offrono capacità nettamente maggiori. Naturalmente tutto ciò aumenta le sfide operative.

Come è possibile contrastare la situazione?

Per il traffico verso il Ticino metteremo a disposizione 45 000 posti a sedere aggiuntivi. Cercheremo di offrire il maggior numero possibile di treni di sdoppiamento. Ossia, prima o dopo diversi treni che circolano secondo l’orario, inseriremo altre composizioni (complessivamente sono previsti 33 treni supplementari). In questo modo abbiamo la possibilità di raddoppiare le capacità per i collegamenti più richiesti. Inoltre, potenzieremo al massimo i treni regolari con carrozze supplementari e, durante le giornate più trafficate, i viaggiatori da Zurigo a Locarno avranno a disposizione dei treni diretti.

Nel fine settimana di Pasqua offriremo 45 000 posti a sedere aggiuntivi verso il Ticino.

Cosa dire del trasporto di biciclette?

A causa delle disposizioni di sicurezza vigenti, per il trasporto di biciclette sui treni che transitano attraverso la galleria di base del San Gottardo è necessaria la prenotazione. In alternativa, dal Venerdì Santo al Lunedì dell’Angelo sarà in servizio il «Gotthard Weekender» da Zurigo a Bellinzona e ritorno, con varie fermate lungo la linea panoramica del San Gottardo. Questa è la soluzione ideale per gli escursionisti e offre inoltre lo spazio necessario per ospitare bici e bagagli. In questo caso non occorre alcuna prenotazione per la bici. Inoltre, tra il 12 aprile e il 31 ottobre 2019 offriamo una spedizione delle biciclette gratuita da alcune stazioni in Ticino verso il resto della Svizzera. Trovate maggiori informazioni riguardo alla spedizione delle biciclette e al carico in proprio di biciclette al sito www.ffs.ch/bici.

Le biciclette sono benvenute!

Quali consigli concreti può fornire a chi viaggia nel periodo di Pasqua?

L’essenziale è: programmate il vostro viaggio per tempo! Ai viaggiatori diretti in Ticino consigliamo inoltre di evitare i treni EC, di ripiegare sui treni supplementari e di prenotare i posti a sedere. Ai viaggiatori da Zurigo conviene utilizzare i treni in partenza ai minuti xx.32 o xx.45. A chi parte da Basilea/Lucerna e deve cambiare treno ad Arth-Goldau si raccomanda di prediligere i treni in partenza alle ore xx.18. Inoltre, a Zurigo, Arth-Goldau, Lugano, Locarno e Bellinzona diversi assistenti alla clientela saranno a disposizione per fornire informazioni ai viaggiatori. Trovate ulteriori consigli per la preparazione del vostro viaggio al sito http://www.ffs.ch/viaggiare-in-relax .