Navigation

Servicelinks

Top part of the Navigation

Dall'hard rock alla lotta svizzera: gli eventi dell'estate 2019

Inizio riuscito per il trasporto ai grandi eventi per le FFS: venerdì scorso, allo stadio Letzigrund di Zurigo, 46 000 spettatori hanno assistito al concerto dei Metallica. Uno sguardo dietro le quinte delle FFS mostra come accompagniamo migliaia di viaggiatori in questa estate ricca di eventi.

Venerdì sera, poco prima delle 17.00. L'atmosfera è festosa al punto di ritrovo nella stazione di Berna. Moltissime persone si incontrano qui, attendono, telefonano, chiacchierano oppure consultano l'enorme tabellone d'informazione sopra le loro teste. Sul tabellone è apparso nel frattempo anche il treno speciale per la stazione centrale di Zurigo. Tra le persone in attesa probabilmente nessuno sa che questo treno è uno dei primi treni speciali FFS che quest'anno circoleranno in occasione di grandi eventi. Da maggio a settembre 1900 treni speciali viaggeranno sulla rete ferroviaria elvetica – un numero considerevole, superato solo da Expo.02, 17 anni fa.

Tabellone delle partenze alla stazione di Berna. Uno dei primi treni speciali della stagione è diretto alla stazione centrale di Zurigo.

Il treno speciale parte puntuale da Berna in direzione di Zurigo. Per il momento fuori le temperature non lo lasciano intuire, ma questo è il fischio d'inizio per gli eventi dell'estate 2019: oltre alle quattro principali grandi manifestazioni (Festa federale di lotta svizzera e giochi alpestri, Festa federale di ginnastica, Fête des Vignerons e Züri Fäscht) si terranno sei concerti allo stadio del Letzigrund di Zurigo e allo Stade de Suisse a Berna. Senza contare i numerosi piccoli eventi come gli open air e le feste popolari. Questa sera il gruppo dei Metallica, i giganti dell'heavy metal, darà il via alla stagione con il concerto allo stadio del Letzigrund.

Informazione alla clientela innanzitutto!

Nel treno speciale gli appassionati dei Metallica, perlopiù vestiti di nero, si mescolano ai pendolari e ai viaggiatori del tempo libero. Il treno è affollato, tuttavia tutti i viaggiatori trovano un posto a sedere. L'atmosfera è tranquilla e rilassata, per cui anche l'assistente clienti Martin Riesen è disponibile per fare due chiacchiere. Solo poco prima dell’entrata in servizio conosce il motivo dei treni speciali. «Mi preparo di giorno in giorno ai miei impieghi, per me non fa alcuna differenza a quale manifestazione trasportiamo le persone» racconta. «Per noi è importante che i clienti abbiano un interlocutore sul treno e poter effettuare gli annunci», aggiunge Riesen. Ossia, informazione alla clientela innanzitutto.

Dietro le quinte il tempo di preparazione da parte delle FFS assume tutto un altro aspetto. Per gli eventi più grandi, il Management degli eventi inizia la pianificazione due o tre anni prima. Nel caso di concerti con un richiamo di pubblico analogo a quello di questa sera, occorre iniziare a organizzare all'incirca sei mesi prima. «Gestiamo una banca dati con circa 1200 eventi all'anno», spiega Christian Zingg, capoprogetto Management degli eventi, «questo permette a noi di Pianificazione degli eventi di gestire il coordinamento interno e l'organizzazione mantenendo una visione d'insieme».

Gli assistenti clienti Gabriela Wirth e Martin Riesen sul treno speciale diretto alla stazione centrale di Zurigo.
Quest'estate sui treni speciali degli eventi a tutti i viaggiatori sarà distribuito uno zainetto con una bottiglietta d'acqua e un concorso…
…che mette in palio un AG. Le FFS ringraziano così tutti i viaggiatori.

Gli assistenti clienti Gabriela Wirth e Martin Riesen sul treno speciale diretto alla stazione centrale di Zurigo.

Quest'estate sui treni speciali degli eventi a tutti i viaggiatori sarà distribuito uno zainetto con una bottiglietta d'acqua e un concorso…

…che mette in palio un AG. Le FFS ringraziano così tutti i viaggiatori.

Poco prima dell'arrivo gli altoparlanti del treno diffondono la voce di Martin Riesen: «Prossima fermata Zurigo Altstetten. Preghiamo gli spettatori del concerto dei Metallica di scendere qui e di raggiungere lo stadio del Letzigrund con l'autobus o a piedi in circa 15 minuti. Le FFS augurano buon divertimento», informa l'assistente clienti. Si tratta di una fermata straordinaria, tuttavia rientra nel concetto delle FFS: in questo modo il flusso dei viaggiatori viene indirizzato in modo controllato e gli spettatori del concerto arrivano a destinazione senza dover cambiare treno alla stazione centrale di Zurigo.

Dopo che gli appassionati dei Metallica sono scesi, il treno speciale trasporta tutti gli altri viaggiatori alla stazione centrale. Questo è anche il capolinea temporaneo per Martin Riesen, che ha un momento di pausa prima di ritornare a Berna con il treno speciale a fine concerto.

Grande motivazione durante gli incarichi speciali

Negli uffici sopra il Centro viaggiatori della stazione centrale si è radunato un gruppo singolare: 13 assistenti clienti si ritrovano qui per l'ultimo briefing prima mettersi all’opera. A fine concerto indirizzeranno la massa si persone attraverso la stazione centrale e la stazione di Altstetten, assicurando così sin dall'inizio un rientro sicuro e privo di intoppi agli spettatori del concerto.

La «responsabilità sul posto», come lui la definisce, è di Michael Studer, capo dell'intervento della serata odierna. Collabora a stretto contatto con Christian Zingg ed è quindi l'interfaccia tra pianificazione e attuazione. Questa sera gli danno manforte due capi dell'intervento e dieci assistenti clienti. Fanno tutti parte dei 2500 macchinisti, assistenti clienti e assistenti alla clientela, che si svolgono una funzione speciale durante gli eventi estivi. La motivazione è grande. L'atmosfera positiva si percepisce durante il briefing nella sala riunioni: tutti non vedono l’ora d’iniziare.

La pianificazione è la seguente: a fine concerto i due capi dell'intervento con i loro team assicurano agli spettatori un rientro privo di intoppi e sicuro nella stazione di Zurigo Altstetten e nella stazione centrale. Gli ambiti di attività: fornire informazioni sull'orario, indirizzare il flusso di viaggiatori e distribuirli bene sui treni nonché mantenere una visione d'insieme della situazione. «Siete i miei occhi là fuori» conclude Michael Studer. E aggiunge: «Rimaniamo sempre in contatto nel caso in cui emerga qualche imprevisto. E tenete sott'occhio la nostra app Ticker!».

Michael Studer, capo dell'intervento Traffico viaggiatori durante il briefing.
Michael Studer informa i capi dell'intervento e i gli assistenti clienti sull'incarico odierno.
Gilet giallo e cappello permettono ai clienti di riconoscere e individuare meglio gli assistenti clienti.

Michael Studer, capo dell'intervento Traffico viaggiatori durante il briefing.

Michael Studer informa i capi dell'intervento e i gli assistenti clienti sull'incarico odierno.

Gilet giallo e cappello permettono ai clienti di riconoscere e individuare meglio gli assistenti clienti.

La quiete prima della tempesta

Ore 22.00. Tutti sono pronti. Con indosso i vistosi gilet gialli, tutti si recano al posto assegnatogli. Studer si fa innanzitutto un'idea dell'atmosfera nella stazione centrale di Zurigo: «La quiete prima della tempesta» sorride. In effetti la stazione centrale è stranamente tranquilla. Anche l'appena annunciata fine del concerto prima del previsto non lo scompone. «Siamo bene organizzati e tutti al proprio posto. I primi tram con gli spettatori arriveranno alla stazione centrale tra un paio di minuti.» E in effetti: poco dopo svolta l'angolo il primo tram speciale.

Dalla Gessnerallee, il tram svolta l'angolo prima di fermarsi direttamente davanti alla stazione centrale.
Un assistente alla clientela indirizza la massa di persone verso la giusta direzione dei treni a lunga percorrenza e della rete celere regionale.

Dalla Gessnerallee, il tram svolta l'angolo prima di fermarsi direttamente davanti alla stazione centrale.

Un assistente alla clientela indirizza la massa di persone verso la giusta direzione dei treni a lunga percorrenza e della rete celere regionale.

Questione di soddisfazione

Ora è sollecitato anche l'assistente alla clientela Kurt Nägeli. Nägeli presta servizio come assistente alla clientela per gli incarichi speciali già dal 2008. Per lui questi incarichi sono un cambio di prospettiva, solitamente lavora sui cantieri per FFS Infrastruttura. «Sono quello che nella quotidianità lavorativa «disturba» i clienti con gli sbarramenti di tratta. Nella funzione di assistente alla clientela vivo i clienti per una volta da un altro lato e posso in tal modo restituire qualcosa». Per lui l’importante è che i clienti tornino a casa contenti.

L'assistente alla clientela Kurt Nägeli questa sera è un uomo molto richiesto…
…e risponde amichevolmente e sempre con un sorriso sulle labbra alle domande dei clienti…
…perché tutti ritornino a casa contenti.

L'assistente alla clientela Kurt Nägeli questa sera è un uomo molto richiesto…

…e risponde amichevolmente e sempre con un sorriso sulle labbra alle domande dei clienti…

…perché tutti ritornino a casa contenti.

Un'allegria che questa sera si nota su tutti i fronti. La pianificazione funziona alla perfezione nella pratica. I 46 000 spettatori del concerto si distribuiscono in modo ottimale sui treni regolari e speciali e anche il capo dell'intervento Studer è soddisfatto: «Nonostante la domanda supplementare, i treni circolano puntuali e non ci sono perturbazioni.»

Via libera agli eventi dell'estate

L'estate degli eventi 2019 è quindi iniziata nel migliore dei modi. Christian Zingg e il suo team calcolano che tre milioni di visitatori si recheranno ai numerosi eventi con i TP. Per le FFS questo significa un anno da record nel traffico per i grandi eventi. Quest'estate quindi non si potrà fare a meno delle FFS – ogni ruota sarà messa in movimento!