Navigation

Servicelinks

Top part of the Navigation

Salto nel regno animale con i due nuovi capi

Aria di novità alla testa di due Divisioni: da inizio anno Jacques Boschung e Alexander Muhm guidano rispettivamente Infrastruttura e Immobili. Cosa è importante per loro? Su cosa intendono lavorare? Nel seguente articolo e in questo video si presentano, facendo anche un salto nel regno animale.

Alexander Muhm e Jacques Boschung sono in carica da ormai quattro mesi. Nel frattempo hanno raccolto le prime esperienze e si sono già abituati ai loro nuovi ruoli di capo Immobili e capo Infrastruttura. Ora che molti collaboratori delle due Divisioni hanno già avuto modo di conoscerli, Alexander Muhm e Jacques Boschung si presentano a un vasto pubblico su «FFS News». A tale scopo, hanno risposto ad alcune domande e completato il loro ritratto. Inoltre, in questo video si sono intervistati a vicenda mostrando la loro dimensione più personale – e anche «animalesca»! 

Alexander Muhm, il nuovo capo FFS Immobili.

Cosa ti ha sorpreso maggiormente in riferimento alla tua nuova funzione all’interno delle FFS? 

Che anche dopo dieci anni alle FFS ho ancora da imparare e scoprire cose nuove. È incredibile quello che fanno ogni giorno le FFS per i loro clienti in tutta la Svizzera... 

Quali sono le note positive da quando sei in carica? 

Ce ne sono diverse: l’entusiasmo dei collaboratori per la nostra azienda. Il dinamismo nella Direzione del Gruppo. L’impegno della direzione di Immobili, a cui si è aggiunta Andrea Huber quale nuova responsabile HR. Inoltre, non vedo l’ora di iniziare il mio programma introduttivo nei prossimi mesi. 

E le note negative? 

Il fatto che Peter Wicki (responsabile Portfolio Management, NdR), con cui collaboro strettamente da sette anni, abbia deciso di raccogliere una nuova sfida all’esterno delle FFS. Colgo l’occasione per augurargli ogni bene e fargli un grande in bocca al lupo. Inoltre, è un peccato che nel 2018 non abbiamo raggiunto gli obiettivi «soddisfazione dei clienti» e «immagine del Gruppo». 

Su cosa vorresti lavorare alle FFS? 

Mi piacerebbe raggiungere gli obiettivi stabiliti insieme ai collaboratori nonché rendere tangibile e visibile il nostro contributo alla qualità di vita e competitività della Svizzera. Vorrei sviluppare ulteriormente la divisione Immobili sulle orme di chi mi ha preceduto e giocare in serie A all’interno del settore immobiliare svizzero. Inoltre, mi piacerebbe aumentare ulteriormente la qualità della sosta nelle stazioni affinché diventino piacevoli luoghi di aggregazione. 

Ritratto Alexander Muhm 

Luogo di domicilio: Soletta 

Data di nascita: 6 settembre 1977 

Cosa mi piace: quando insieme si fa qualcosa di concreto 

Cosa non mi piace: quando non si passa dalle parole ai fatti 

Cibo preferito: asiatico e leggero 

Tratta preferita in treno: quella che collega Ginevra a San Gallo in quanto mostra l’intero potenziale della Svizzera (e delle FFS) 

Stazione preferita: dipende; presto sarà la stazione di Basilea FFS con la sua ala ovest appena ristrutturata 

Cosa mi auguro per il resto del 2019: preziosi contatti e interessanti discussioni all’interno e all’esterno delle FFS 

Jacques Boschung, il nuovo capo FFS Infrastruttura.

Cosa ti ha sorpreso maggiormente in riferimento alla tua nuova funzione? 

Sono rimasto molto colpito dall’incredibile passione dei nostri collaboratori per la ferrovia, per la nostra Divisione e per la loro attività. 

Quali sono le note positive da quando sei in carica? 

L’elevatissima competenza dei diversi team direttivi di Infrastruttura che ho potuto percepire in tutti i settori e a tutti i livelli. 

E le note negative? 

Finora nessuna nota stonata...davvero! 

Su cosa vorresti lavorare alle FFS? 

Intendo accelerare la nostra trasformazione culturale: dalla cultura manageriale alla cultura di leadership, sulla base della formula di successo FFS. Solo così possiamo sfruttare l’intero potenziale dell’organizzazione. 

Ritratto Jacques Boschung 

Luogo di domicilio: Châtel-Saint-Denis (FR) 

Data di nascita: 9 agosto 1967 

La maggiore soddisfazione professionale finora: presso Dell, la direzione dell’Europa occidentale con 18 Paesi e una grande varietà di punti di vista e persino visioni del mondo 

Cosa mi piace: la fantascienza e la storia...ma non è un paradosso! 

Cosa non mi piace: troppi giri di parole con poco significato 

Cibo preferito: piatti di selvaggina in autunno 

Tratta preferita in treno: Friburgo–Wankdorf...con la S1. Purtroppo un treno BLS 😉 

Stazione preferita: Zurigo HB – dalla realizzazione del passante di Zurigo è un vero capolavoro! 

Cosa mi auguro per il resto del 2019: una transizione senza intoppi verso la nuova Infrastruttura orientata ai processi (I 2.0) e una messa in pratica del motto «Padroneggiamo la ferrovia». In effetti, il sistema ferroviario deve e dovrà rimanere economicamente accessibile per i clienti finali e per i committenti.