SBB News

Passo dopo passo verso stazioni rispettose del clima

La comunità internazionale punta ad annullare le emissioni di CO2 entro il 2050. Le FFS vogliono essere in prima linea, riducendo le emissioni di CO2 delle proprie stazioni. Quest’anno 30 ulteriori stazioni sono state orientate ad alternative energetiche.

Start of an Imagegalery

Da questo autunno il fabbricato della stazione di Riddes, nel cuore del Vallese, è diventato rispettoso dell’ambiente e si aggiunge alle quasi 30 stazioni quest'anno che hanno sostituito il riscaldamento a gasolio o a gas con vettori di energia alternativi. Negli anni a venire tutte le stazioni saranno ristrutturate o rinnovate come quella di Riddes, sulla scia del movimento giovanile a supporto del clima.

Eliminazione dei combustibili fossili dagli edifici

Le FFS sono annoverate tra i più grandi proprietari immobiliari della Svizzera e per questo lavorano con grande impegno alla riduzione dell’impronta di CO2 dei propri edifici. I combustibili fossili devono essere eliminati al più presto.

In quest’ottica, i futuri interventi di risanamento delle stazioni e degli altri edifici riguarderanno la sostituzione di questi combustibili con soluzioni alternative più rispettose dell’ambiente, come il legno o il calore ambientale trasportato con pompe di calore o teleriscaldamento. Nel 2019, 29 sedi hanno già rinunciato completamente ai vettori di energia fossili. Solo grazie a questi progetti è possibile risparmiare ogni anno ben 150 000 litri di olio da riscaldamento e ridurre le emissioni di CO2 di 408 tonnellate.

Questi risparmi equivalgono al riscaldamento di 500 abitazioni unifamiliari

La rinuncia ai combustibili fossili rientra nel progetto «Energia esemplare» (vedi riquadro), a cui anche le FFS hanno aderito. Sin dall’inizio del 2016, in occasione della costruzione o della sostituzione degli impianti di riscaldamento le FFS rinunciano a installare sistemi alimentati con combustibili fossili come l’olio da riscaldamento o il gas naturale. Più di 100 impianti sono già stati convertiti alle alternative energetiche più sostenibili, che hanno permesso di risparmiare ogni anno più di 1,3 milioni di litri di olio da riscaldamento e più di 3500 tonnellate di CO2. A titolo di confronto basti pensare che con questi risparmi si possono riscaldare 500 abitazioni unifamiliari.

Inoltre, dall’inizio del 2019 le FFS ricavano l’energia elettrica necessaria ad alimentare gli edifici esclusivamente da centrali idroelettriche. Per le FFS non solo l’esercizio ferroviario deve essere ecosostenibile, ma anche le stazioni devono diventare più «verdi».

L’iniziativa «Energia esemplare» (FECSE) si rivolge ad aziende parastatali e paracantonali che intendono agire in modo innovativo ed esemplare nel settore energia. Firmando una dichiarazione d’intenti esse s’impegnano a dare un importante contributo per aumentare l’efficienza energetica e l’impiego delle energie rinnovabili in Svizzera.