Come abbiamo fatto ordine nel groviglio di cavi davanti alla rimessa

I cavi lasciati in giro nel fascio di binari sono un pericolo latente. A Olten un team di esperti di cavi ha trovato un modo semplice per eliminare i punti d’inciampo presso un binario di ricovero.

Inizio di una galleria d'immagini

«Prima accadeva talvolta che i cavi causassero una grande confusione.» Daniel Hängärtner, capoteam Cavi della succursale di Olten, si trova nel quartiere industriale e osserva soddisfatto i due binari di ricovero vuoti che si dipartono dalla rimessa delle locomotive. Trasmettono un’impressione di ordine, senza alcuna traccia di caos. A sinistra, su un montante di ferro, troneggia un quadro con sei prese, la metà delle quali è occupata da cavi. A destra dei due filari di rotaie, da un pozzetto nel terreno, spuntano altri due cavi con le loro imponenti prese a innesto.

L’impianto davanti alla rimessa serve ad alimentare con corrente le locomotive diesel della squadra di addetti ai lavori delle FFS ricoverate durante la sosta. In questo modo si evita che le macchine, colossi di diverse tonnellate, non si mettano in moto all’inizio dell’esercizio.

I cavi come punti d’inciampo

Due o tre anni fa non era raro che il piazzale davanti alla rimessa si presentasse in modo molto diverso. I cavi si attorcigliavano come serpenti lungo un binario, si infilavano sotto le rotaie per passare dall’altra parte creando una rete quasi inestricabile. Un’immagine che faceva aggrottare la fronte a Daniel Hängärtner. Perché il capoteam Cavi conosce bene i pericoli insiti in una situazione di questo tipo. «I cavi lasciati in giro nel fascio di binari costituiscono sempre punti d’inciampo.»

E far passare un cavo sotto le rotaie è innanzitutto complicato e in secondo luogo non del tutto privo di pericoli, aggiunge. In casi isolati è anche accaduto che le locomotive diesel siano passate sopra un cavo che sporgeva dalle rotaie tranciandolo di netto, ricorda Daniel Hängärtner.

La soluzione: un pozzetto e un tubo

Dopo essersi consultato con i colleghi, il capoteam ha presentato una proposta di miglioramento semplice ma efficace: collocare un pozzetto tra i binari e da lì far partire un tubo che porta al quadro delle prese passando sotto le rotaie. In questo modo è possibile portare comodamente i cavi dalla presa all’allacciamento sulla locomotiva e riporli ordinatamente nel pozzetto dopo l’utilizzo.

Detto, fatto. Senza indugi, un’equipe del team Cavi ha costruito il pozzetto e posato il tubo. Da allora il piazzale davanti alla rimessa si riordina in fretta – sempre che i collaboratori ripongano veramente i cavi dopo il passaggio delle locomotive e non li lascino lì dove sono, aggiunge Daniel Hängärtner ridendo sotto i baffi.

«Piccola causa – grande effetto»: campagna delle FFS per la sicurezza e la qualità, basata su storie tratte dalla quotidianità lavorativa dei collaboratori.

Maggiori informazioni e storie su www.ffs.ch/sicurezza-qualita.