Gateway Basel Nord: la Confederazione partecipa al finanziamento

Oggi la Confederazione ha confermato la partecipazione finanziaria alla realizzazione del terminal per container previsto e lo ha annunciato in un comunicato stampa.

Gateway Basel Nord
Gateway Basel Nord

Alla fine di novembre 2015, Gateway Basel Nord AG, quale comune società di pianificazione costituita da Contargo SA, FFS Cargo SA e Hupac SA, ha inoltrato all’Ufficio federale dei trasporti (UFT) la richiesta di finanziamento per la costruzione del terminal di Basilea Nord. Oggi la Confederazione ha confermato la partecipazione finanziaria alla realizzazione del terminal per container previsto e lo ha annunciato in un comunicato stampa. Risulta così raggiunta una tappa fondamentale per l’edificazione di un impianto di trasbordo nazionale per container.

Conformemente all’ordinanza sul trasporto di merci, la Confederazione parteciperà con circa 83 milioni di franchi svizzeri ai costi d’investimento per il terminal bimodale che, in questa prima fase, collegherà i sistemi di trasporto strada e rotaia. Gateway Basel Nord AG (GBN) parteciperà alla realizzazione con mezzi propri per altri 47 milioni di franchi svizzeri. Partecipando al finanziamento, la Confederazione rimarca l’importanza che il terminal per container ricopre per il Paese e per la politica dei trasporti. Allo stesso tempo stabilisce anche dei requisiti concreti, come ad esempio l’accesso indiscriminato a tutti i concorrenti nonché il progressivo trasferimento su rotaia del traffico di container per la distribuzione capillare in Svizzera (quota ferroviaria nella ripartizione modale del 45 percento in un primo momento e successivamente del 50 percento).

FFS Cargo intravvede nella costruzione del terminal Gateway Basel Nord un potenziale significativo in termini di gestione del traffico internazionale e grazie al conseguente effetto di raggruppamento prevede una crescita positiva nel traffico combinato (Swiss Split) per la distribuzione capillare su rotaia in Svizzera.

Potenziamento delle capacità e accrescimento dell’efficienza

Per rispondere alla crescente domanda di mercato, la Confederazione è chiaramente favorevole a un ampliamento delle capacità di trasbordo con una migliore produttività su tutte le catene di trasporto nella sede di Basilea Nord. Non da ultimo per poter affrontare in modo efficiente la crescita nel traffico combinato con la Svizzera prevista dalla stessa Confederazione e contribuire al trasferimento del traffico su rotaia. Questo trasferimento sarà reso possibile da un terminal efficiente con un elevato grado di automazione e da tre gru a portale per treni fino a 750 metri. Tale configurazione del terminal ne accresce l’efficienza, accelera i tempi di esecuzione e favorisce risparmi, dato che i costi per le spedizioni import export si riducono.

Ampliamento secondo la domanda e graduale in due fasi

La messa in funzione del terminal bimodale di Basilea Nord è prevista per fine 2020. Quest’ultimo vanterà un allacciamento stradale diretto all’A2 nonché un allacciamento ferroviario per i treni provenienti da nord e sud. Il terminal beneficerà quindi dell’accesso diretto a uno dei corridoi per il trasporto ferroviario delle merci più importanti d’Europa: il corridoio Reno-Alpi, con la galleria di base del San Gottardo quale elemento centrale, collega infatti i porti marittimi di Rotterdam e Genova.

Presumibilmente nel 2023, l’impianto verrà ampliato per il trasbordo trimodale con la realizzazione della nuova darsena 3 da parte dei porti renani svizzeri. Ciò garantirà il trasbordo diretto tra i sistemi di trasporto strada, rotaia e acqua, che a sua volta aumenterà ulteriormente l’efficienza del terminal. Lo scorso settembre la Confederazione aveva già approvato la propria partecipazione finanziaria alla costruzione della nuova darsena. Non è invece ancora stato approvato il contributo finanziario del Cantone di Basilea Città. Il Gran Consiglio si pronuncerà in merito presumibilmente nell’autunno 2018.

Avvio dei lavori per il terminal bimodale previsto per inizio 2019

La procedura di controllo della fusione in corso a cura della Commissione della concorrenza si dovrebbe concludere nella seconda metà del 2018, consentendo a Gateway Basel Nord AG di passare da società di pianificazione a società gerente. Secondo l’UFT la licenza di costruzione per il Gateway Basel Nord dovrebbe invece arrivare a inizio 2019. Una volta concluse la procedura di controllo della fusione e la procedura di approvazione dei piani, Gateway Basel Nord AG potrà cominciare i lavori di costruzione.