Valori di CO2 nella norma sui bipiano TLP

Il quotidiano Blick ha riscontrato valori elevati di CO2 sui bipiano TLP, ma le misurazioni eseguite dalle FFS non hanno rilevato una concentrazione di CO2 fuori dalla norma. Le FFS intendono approfondire la questione e controllare nuovamente i valori con precisione.

Il Blick ha condotto verifiche sulla qualità dell’aria in diversi treni e stazioni. Dalle misurazioni eseguite è stata riscontrata un’elevata concentrazione di anidride carbonica (CO2) su alcune carrozze dei treni bipiano per il traffico a lunga percorrenza, con valori superiori a 2000 o 3000 ppm (parti per milione). Come riporta il quotidiano, i ricercatori che si occupano di scienza dell’atmosfera considerano «troppo elevata» una concentrazione di CO2 superiore a 1200 ppm.

Gli impianti di climatizzazione dei bipiano TLP misurano in modo costante i valori di CO2 nelle singole carrozze. Dai dati emerge chiaramente che su questa tipologia di treni i valori di CO2 sono nella norma. Per poter fare un confronto con i risultati riportati dal Blick, le FFS hanno eseguito misurazioni in modo autonomo con un apparecchio mobile certificato. I valori riscontrati si sono posizionati tra 600 ppm e 1300 ppm, ma per alcuni minuti è stato registrato un picco di 2000 ppm. La concentrazione di CO2 riscontrata non è in alcun modo pericolosa per la salute e non ha legami con gli aerosol.
Inoltre, le FFS intendono verificare questi valori attraverso una procedura certificata: le misurazioni saranno eseguite da un organismo di controllo indipendente delle FFS (Servizio di accreditamento svizzero SAS). Se necessario, le FFS implementeranno misure adeguate.

Impianto di climatizzazione sui bipiano TLP

Sui treni bipiano TLP, l’estremità di ogni carrozza è provvista di un impianto di climatizzazione nel quale sono installati due sensori di CO2, per un totale di quattro sensori a carrozza. L’impianto di climatizzazione misura la concentrazione di CO2 dell’aria interna ed esterna e in base ai valori riscontrati immette automaticamente il corrispettivo di aria fresca. La quantità di aria fresca che viene immessa nei compartimenti varia a seconda della temperatura esterna e dell’occupazione della carrozza: in media, viene eseguito un ricambio d’aria completo da sei a dieci volte ogni ora. In questo modo gli impianti di climatizzazione garantiscono un’areazione adeguata e un ricambio d’aria costante.