Lost and Found: la storia dell’abito da sposa dimenticato sul treno

Un abito smarrito, telefonate frenetiche e uno sposo disperato: questa vicenda è degna di un giornaletto da edicola, con la differenza che dieci anni fa è accaduta davvero.

Inizio di una galleria d'immagini

Andreas Lavicka e Jenya Lavicka si sono sposati il 9 luglio 2011 sull’isola di Brissago, nei pressi di Ascona. In vista dell’evento, Jenya Lavicka si era recata ad Ascona con una settimana d’anticipo in treno da Basilea. Tutto sembrava procedere a gonfie vele. Anche sua sorella, sua cognata e persino i suoi genitori, che erano arrivati appositamente dall’Ucraina, l’avevano raggiunta. Mancava soltanto una cosa: l’abito da sposa. «Devo averlo dimenticato sul treno!», aveva concluso infine Jenya, ed era quindi ritornata di gran fretta alla stazione di Locarno. Ma il treno era già ripartito. Malgrado tutti gli sforzi e le risorse attivate dal personale delle FFS allo sportello di Locarno per ritrovare l’abito il prima possibile, arriva il triste responso: niente da fare. L’abito si era involato e, con lui, il sogno del matrimonio perfetto...

Ma com’è possibile smarrire l’abito prima del proprio matrimonio?

Così, nei giorni successivi, il motto divenne: non perdere la speranza. Jenya chiamava il Servizio oggetti trovati delle FFS tutti i giorni: «La mia telefonata era ormai una chicca per i collaboratori: non c’è stata persona che non abbia riso e non mi abbia chiesto come avessi potuto smarrire proprio il mio abito da sposa.»

«La mia telefonata era ormai una chicca per i collaboratori: non c’è stata persona che non abbia riso e non mi abbia chiesto come avessi potuto smarrire proprio il mio abito da sposa.»
Jenya Lavicka

E siccome l’abito continuava a non ricomparire anche dopo diversi giorni, Jenya decise di recarsi in Italia a farsene cucire un altro. Ma subito dopo averlo ritirato, ricevette una telefonata: il suo abito era stato ritrovato. «Ma come?!», pensarono increduli Jenya e Andreas. Un dipendente dell'hotel portò l’abito da Locarno al porto di Ascona, dove arrivò puntualissimo per il matrimonio insieme agli invitati in battello.

Tutto è bene quel che finisce bene, dunque?

Eccome: Jenya a questo punto aveva non uno, ma ben due abiti da sposa. E oggi, la signora felicemente sposata è convinta che lo smarrimento temporaneo dell’abito non sia stato una coincidenza: «Abbiamo due gemelline di otto anni: se decideranno di sposarsi, adesso ho già pronto l’abito per entrambe!» Si spera soltanto che la storia del treno non si ripeta...

Voglia di andare alla scoperta del Ticino?

L’isola di Brissago rappresenta una meta molto gettonata per ogni età. E anche i dintorni meritano una visita: Locarno è una perla culturale e la regione circostante si presta per compiere splendide escursioni a piedi, gustare ottimi gelati o scatenarsi nel lido sulle rive del lago.

Isole di Brissago