Nuove premesse per la stagione ciclistica

Gli svizzeri amano la bicicletta e desiderano portarla con sé nei viaggi in treno. Joël Müller, assistente clienti, lo sa fin troppo bene e racconta le nuove sfide che ci aspettano sui treni.

Inizio di una galleria d'immagini

Disclaimer immagini: Alcune fotografie sono state scattate prima dell’obbligo della mascherina o in conformità del rispetto dei piani di protezione vigenti.

È qualcosa di davvero meraviglioso: raggiungere in treno un suggestivo angolo della Svizzera, montare in sella per pedalare verso il sole e, alla sera, farsi scarrozzare di nuovo comodamente fino a casa. Da tempo innumerevoli ed entusiasti amanti delle due ruote si godono simili gite giornaliere grazie alla rete ferroviaria.

Nuove sfide, nuove regole

Treno e bicicletta: non è solo una storia d’amore. È anche una storia di sfide, organizzazione complessa e discussioni interminabili. Ecco perché, per la stagione ciclistica 2021, sono state introdotte nuove regole, volte appunto a risolvere qualsiasi tipo di circostanza o possibile diverbio.

La situazione è sicuramente complicata per i viaggiatori, ma lo è di fatto anche per tutti noi che lavoriamo come assistenti clienti. In quanto tali, dobbiamo talvolta prendere decisioni spiacevoli, per esempio quando per motivi di sicurezza siamo costretti a rammentare le regole alle cicliste e ai ciclisti o addirittura a impedire loro l’accesso al treno. Non lo facciamo per punire qualcuno. Semplicemente la sicurezza impone un limite alla condiscendenza e al compromesso. Questo in particolare quando a essere bloccate sono le vie di fuga.

Questo iframe contiene contenuti di terze parti che potrebbero non essere accessibili.

Le nostre possibilità di condiscendenza hanno un limite, così come ha un limite lo spazio sui nostri treni. Perciò non è sempre possibile caricare qualsiasi mountainbike, indipendentemente dalle dimensioni. Le biciclette grandi e pesanti possono ad esempio essere comodamente consegnate e spedite in stazione.

Pianificare bene per evitare situazioni spiacevoli

L’organizzazione è fondamentale per viaggiare in bicicletta e in treno senza pensieri. Affinché l’escursione vada a buon fine è bene controllare attentamente l’orario online, calcolare un adeguato margine di tempo per la partenza e le coincidenze e munirsi di una buona dose di nervi saldi e ragionevolezza. E a chi vuole correre il minor rischio possibile si consiglia di prediligere itinerari alternativi, per esempio il comodo InterRegio piuttosto che il sovraffollato InterCity. Oppure le tratte che portano a destinazione un po’ più lentamente, ma proprio per questo sono spesso più suggestive. E chi ne ha la possibilità può viaggiare con molta più tranquillità nei giorni feriali piuttosto che nel fine settimana.

È evidente che io e i miei colleghi ci apprestiamo ad affrontare le prossime settimane con una certa apprensione. Purtroppo non facciamo miracoli e non possiamo soddisfare qualsiasi desiderio e aspettativa. Per questo contiamo anche sulla comprensione, la pazienza e la collaborazione dei nostri clienti. Solo così potremo avere un bel ricordo dei viaggi verso le meravigliose località del nostro Paese.

Inizio di una galleria d'immagini

Joël si racconta

Sono nato nel 1997 e attualmente lavoro come assistente clienti alle FFS. Ogni giorno viaggio attraverso la Svizzera e vivo emozionanti avventure. Noi «conduttori» potremmo scrivere interi libri sul nostro lavoro quotidiano. Questo mi ha anche spinto a raccontare della mia vita sul treno nel mio blog «EinfachRetour». «EinfachRetour» è disponibile sul sito einfachretour.com e su Twitter @einfachretour.

Racconti dei collaboratori FFS

Nella serie di articoli di FFS News «Racconti dei collaboratori FFS» vengono pubblicati a intervalli irregolari articoli dei collaboratori provenienti da diversi Settori centrali e Divisioni. Gli autori sono liberi di scegliere l’argomento su cui scrivere. Ti piacerebbe raccontare del tuo lavoro alle FFS? Scrivi a sarah.stiefel@sbb.ch.