Treno: 20 volte meglio di aereo, autobus o auto elettrica.

Da uno studio indipendente emerge che con i treni TGV Lyria si ottengono risultati migliori rispetto all’aereo, all’autobus e all’auto, perfino quella elettrica. Le FFS offrono quindi il miglior bilancio ambientale fra tutti i mezzi di trasporto? Lo chiediamo a due esperti.

Inizio di una galleria d'immagini

È risaputo che il trasporto ferroviario risparmia risorse, permette di consumare meno energia ed emette poco CO2. Ma come mai è così? Fabien Soulet, CEO di TGV Lyria e Armin Weber, responsabile Traffico viaggiatori internazionale FFS, spiegano perché il treno è un’alternativa più rispettosa dell’ambiente se paragonata ai voli a corto raggio e agli spostamenti in automobile.

Lo studio di Infras ha calcolato l’impronta di carbonio di cinque viaggi tra la Svizzera e la Francia. Qual è la conclusione principale dello studio?

Fabien Soulet: La conclusione è che TGV Lyria è chiaramente una soluzione ecologica. Quale che sia il percorso e il sistema di trasporto considerato, chi viaggia in TGV Lyria emette fino a 20 volte meno gas serra rispetto a chi viaggia in aereo, in auto (perfino elettrica) o in autobus. E se si considerano i nostri treni a due piani, in servizio dalla fine del 2019, la riduzione può essere anche di 30 volte.

Questo studio analizza non solo la tratta vera e propria, ma l’insieme dell’ecosistema ferroviario, compresa l’infrastruttura necessaria. In questo modo è possibile definire realisticamente i costi dei trasporti?

Fabien Soulet: È ciò che si definisce analisi del ciclo di vita. Grazie a questa analisi, abbiamo una visione chiara ed esaustiva delle fonti delle emissioni di carbonio, oltre ad avere argomentazioni scientifiche e documentate. In effetti, anche valutando i treni TGV Lyria con i criteri comparativi più rigorosi, il nostro bilancio ambientale si conferma ampiamente superiore.

Fabien Soulet è CEO di TGV Lyria.

Lo studio esamina il bilancio ambientale dei treni TGV Lyria. Le conoscenze acquisite possono essere trasposte ai treni delle FFS?

Armin Weber: In linea di principio, sì. Grazie al calcolatore ambientale del nostro orario online, è possibile calcolare il consumo energetico e le emissioni di CO2 per ciascuna tratta ferroviaria e confrontarli con lo stesso percorso in auto. Il risultato è più o meno identico a quello emerso dallo studio: la ferrovia è più rispettosa dell’ambiente se paragonata alla strada e quindi vince il confronto.

«Il calcolatore ambientale può essere utilizzato per calcolare l’impronta di carbonio di qualsiasi viaggio in treno e confrontarla con gli spostamenti in auto.»
Armin Weber

Cosa possiamo dire dei viaggi in treno verso altre destinazioni europee (Italia, Germania ecc.)?

Armin Weber: Nel confronto diretto, la ferrovia risulta sempre vincente rispetto ai sistemi di trasporto che utilizzano combustibili fossili. Ecco cosa significa viaggiare in treno anziché in auto: ogni singola persona che viaggia a bordo di un treno mediamente frequentato da Zurigo a Roma consuma il 74% in meno di energia e il 77% in meno di CO2. Nella tratta fino a Berlino, questo risparmio diventa rispettivamente dell’84% e dell’86%.

Armin Weber è responsabile del settore Traffico viaggiatori internazionale delle FFS.

Il treno è il primo della classe. Che importanza rivestono l’occupazione dei posti e il numero di persone trasportate?

Fabien Soulet: Questo è un aspetto fondamentale. Lungo le grandi assi di trasporto europee è caratterizzato da un lato dalla ricerca di mezzi di trasporto con una minor impronta di carbonio, ma dall’altro anche da un aumento delle esigenze di mobilità. Sull’asse Svizzera-Francia, TGV Lyria è il solo sistema di trasporto che offre una risposta immediata e coerente a questa doppia sfida e, più in generale, è il punto di forza del trasporto ferroviario.

Armin Weber: Una cosa è certa: più aumenta l’occupazione dei posti, più si riducono le emissioni per persona e per viaggio.

Viaggiare rispettando l’ambiente va di moda. Ma quali sono le altre ragioni per scegliere il treno?

Fabien Soulet: Comfort, accesso diretto al centro città, frequenza dei collegamenti, servizi a bordo, WiFi gratuito in tutte le classi, prezzi competitivi e molto altro: TGV Lyria ha l’obiettivo di garantire la miglior offerta di trasporto tra la Svizzera e la Francia. Con TGV Lyria, chi viaggia per affari può lavorare a bordo del treno fino all’83% del tempo di percorrenza, rispetto a meno del 35% in aereo. E siamo competitivi anche sotto il profilo dei prezzi. Come per l’aereo, è sufficiente prenotare il viaggio con un po’ di anticipo per ottenere un prezzo competitivo. Senza supplementi e senza costi nascosti.

Armin Weber: Viaggiare in treno attraverso l’Europa è più riposante, perché si arriva direttamente in centro città. E viaggiando di notte si risparmia un pernottamento in albergo. Non solo: la ferrovia è considerata il sistema di trasporto più sicuro in Europa, come dimostrano uno studio di Allianz e i dati dell’Ufficio federale di statistica tedesco. Il rischio di incidenti fatali durante un viaggio in treno è inferiore di oltre 50 volte a quello di un viaggio in auto e di cinque volte a quello di un viaggio in autobus.

Il trasporto ferroviario risparmia risorse, consuma meno energia ed emette poco CO2.

Secondo uno studio di Infras realizzato per conto di TGV Lyria, con il treno si ottengono risultati migliori rispetto all’aereo, all’autobus e all’auto, perfino quella elettrica. Il treno offre quindi il miglior bilancio ambientale fra tutti i mezzi di trasporto. Maggiori informazioni sul confronto delle infrastrutture tra i mezzi di trasporto che collegano la Francia alla Svizzera