Un sabato alle FFS, un sabato al servizio delle persone svantaggiate

Quando Thierry Moyard non lavora allo sportello delle FFS, dedica il sabato al suo impegno nel volontariato: è promotore e responsabile di un banco alimentare a Villeneuve (VD). Lo incontriamo sul posto.

Tempo di lettura: 3 minuti

Un sabato a Villeneuve, ore 11.30. «La raccolta è andata bene», dice Thierry Moyard con un gran sorriso, mentre altri volontari preparano la distribuzione delle derrate alimentari, principalmente prodotti freschi prossimi alla data di scadenza e forniti dai commercianti al dettaglio. «Oggi abbiamo ricevuto 110 casse. La media è di circa 80.»

Inizio di una galleria d'immagini

Si sente parlare francese, spagnolo, inglese e la lingua universale delle risate. L’atmosfera è distesa. Tra i volontari ci sono Ruth, a suo agio nel ruolo di fruttivendola, Myriam, che si occupa del ricevimento, Jean, che ha aiutato a costruire gli scaffali e che afferma, con una certa fierezza, di non essere mancato una sola volta, e ancora Jawid, un giovane afgano che in attesa del rimpatrio continua a impegnarsi in Svizzera. «La squadra è ben rodata. Non hanno bisogno di me», dice Thierry con una strizzatina d’occhio.

Inizio di una galleria d'immagini

Collaborare con un team così composito non è per lui una novità. Ferroviere da sempre, ha terminato l’apprendistato come agente di movimento nel 1999. Oggi lavora allo sportello di Vevey e si occupa delle persone in formazione. È proprio questo lavoro che lo ha indotto a organizzare il banco alimentare. «Un giorno ho sentito una collega parlare con un cliente a proposito della distribuzione di prodotti alimentari.» Questo cliente era il responsabile di un banco alimentare a Vevey. «Questo incontro è stato fondamentale per la realizzazione del progetto di Villeneuve.» In effetti, l’idea gli frullava nella testa da qualche tempo. Come molti altri, Thierry era stato colpito dalle immagini di centinaia di persone in coda per ricevere sacchi di cibo a Ginevra, quando è scoppiata la pandemia.

Inizio di una galleria d'immagini

Alle 13.15 si comincia: pagnotte allineate sugli scaffali, frutta e verdura ordinatamente disposta nelle cassette, sistema di gestione ben avviato. A prima vista, il locale sembra un piccolo negozio di alimentari in un quartiere residenziale. «Abbiamo deciso di non distribuire sacchi già pronti. Poter scegliere è un valore aggiunto per i beneficiari e in questo modo evitiamo di dare loro cibi che non consumerebbero e che finirebbero nella spazzatura.» Com’è d’obbligo in questi tempi di pandemia, l’afflusso delle persone è meticolosamente regolamentato. Gli ingressi sono cadenzati: una persona ogni 2 minuti. È obbligatoria la prenotazione.

Inizio di una galleria d'immagini

Poco prima dell’inizio della distribuzione, un uomo si rivolge a Myriam. Non potendo comunicare in francese, le passa il suo telefono con una persona francofona all’altro capo del filo. Thierry lo riconosce e comincia a conversare in spagnolo. «Grazie a questo impegno ho imparato un po’ di spagnolo.» Questo gli serve anche per il suo lavoro allo sportello, dove spesso ha a che fare con i turisti. Con la differenza che qui conosce la maggior parte delle persone. «Abbiamo molti frequentatori abituali di ogni provenienza. Sono persone che, per varie ragioni, fanno fatica ad arrivare alla fine del mese. Questo banco alimentare allevia le loro spese.» Poiché la capacità ricettiva è limitata a 50 economie domestiche, il team accoglie solo i residenti di Villeneuve.

Inizio di una galleria d'immagini

Alle 14.58 entra nel locale l’ultima beneficiaria. Con un bimbo piccolo per mano e un altro in arrivo, saluta Thierry e si appresta a fare una grande spesa. Dopo che se ne è andata, restano una decina di cassette di verdura. Thierry è soddisfatto di come è andata la distribuzione. E la verdura rimasta? «Faranno festa le galline di una fattoria di Villeneuve», spiega Thierry. Zero sprechi fino alla fine.

Dopo il lavoro

Molti collaboratori delle FFS non si dedicano solo al loro lavoro quotidiano, ma anche, nel loro tempo libero, a un hobby o a un progetto che li appassiona. In questa serie, quattro di loro ci svelano quello che amano fare dopo il lavoro. Ogni settimana dell’Avvento apriamo una porticina e andiamo a scoprire cosa li impegna.

Storie finora pubblicate: